Il centrare della protesta nelle piazze VS la produzione di idee e di conoscenza

Questa mattina leggendo il feed di Gianluca Salvatori, mi son venute in mente le immagini che ho visto ieri, nella mia sporca cittá, in cui orde di studenti, figli di feisbuk, strombazzavano cose che forse nemmeno loro erano (ne sono) a conoscenza. Saranno contenti?

L’obiettivo è quello di produrre tecnologia capace di produrre un impatto reale e di indurre una trasformazione nel contesto in cui si applica. Attorno a questo movente ruota la produzione di idee e di conoscenza: qui sta la differenza profonda – spesso poco percepita – rispetto al modo in cui si intende il sapere nella nostra tradizione accademica. Quella per la quale oggi si mobilitano le piazze.

Tags: gianlucasalvatori.nova100.ilsole24ore.com

No TweetBacks yet. (Be the first to Tweet this post)
Questo articolo è stato pubblicato in IT, Now. Aggiungi ai preferiti: link permanente. Scrivi un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

  • about me

    April Fools ABANDON ALL HOPE YE WHO ENTER HERE is scrawled in blood red lettering on the side of the Chemical Bank near the corner of Eleventh and First and is in print large enough to be seen from the backseat of the cab as it lurches forward in the traffic leaving Wall Street and just as Timothy Price notices the words a bus pulls up, the advertisement for Les Miserables on its side blocking his view, but Price who is with Pierce & Pierce and twenty-six doesn't' seem to care because he tells the driver he will give him five dollars to turn up the radio, "Be My Baby" on WYNN, and the driver, black, not American, does so.