26 milioni di italiani fuori da Internet

Poveracci ‘ste italiani, il tipo che scrive di sto blog (IO) dovrebbe far parte degli eccletici, faccio un bel copio e incollo:

“L’utilizzo di strumenti tipici del Web 2.0, la partecipazione attiva in comunità digitali, la creazione di spazi personali e contenuti di valore riguardano una piccola minoranza, pari al 14 per cento degli italiani (7,4 milioni di persone), definiti eclettici nella ricerca.”

Sarei abbastanza d’accordo ma non molto sul creare valore aggiunto…
Invece quelli che si sparano murate di TV sono

“Manco a dirlo, chi rimane indietro è lo heavy user televisivo, definito Tv people: quando l’attenzione e il tempo vengono catturati in gran parte dall’arma segreta del dottor Goebbels (cit.) il consumo tecnologico tende a ridursi. E questo avviene tanto nel nord del paese quando al sud, e più nei piccoli centri che nelle grandi città, ed avviene per il 31 per cento della popolazione.”

Questa invece riguarda i genitori…

In tutto questo, il rapporto intravede un’ombra che si staglia all’orizzonte: i genitori tecnologicamente più avanzati non riescono a trasmettere ai figli i propri interessi culturali, la passione per la cultura rimane un fatto che dipende in gran misura da altri fattori. Questo viene ritenuto il segnale più preoccupante dagli esperti, in quanto il rischio è che persino i giovani di famiglie culturalmente attive finiscano per fare della tecnologia un uso passivo.

Che scrivere non lo so torno alle mie faccende, meglio…

Tags: punto-informatico.it


No TweetBacks yet. (Be the first to Tweet this post)
Questo articolo è stato pubblicato in IT, Now. Aggiungi ai preferiti: link permanente. Scrivi un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

  • about me

    April Fools ABANDON ALL HOPE YE WHO ENTER HERE is scrawled in blood red lettering on the side of the Chemical Bank near the corner of Eleventh and First and is in print large enough to be seen from the backseat of the cab as it lurches forward in the traffic leaving Wall Street and just as Timothy Price notices the words a bus pulls up, the advertisement for Les Miserables on its side blocking his view, but Price who is with Pierce & Pierce and twenty-six doesn't' seem to care because he tells the driver he will give him five dollars to turn up the radio, "Be My Baby" on WYNN, and the driver, black, not American, does so.