Dolce era lo scrivere

Macchina-da-Scrivere In questi giorni densi di pensieri ma poveri di azioni sto pensando a questo blog e ai motivi che mi portarono ad aprirlo, motivi che forse si sono evoluti, sviluppati e cresciuti, ma sono sempre loro, cioè quello dello scrivere di cose difficili da reperire ma anche di arrivare prima di altri ad annusare il nuovo. Questa voglia c’è ancora, si, ma in questo momento uso un’altra piattaforma più snella e veloce fatta di soli 140 caratteri, lì ciò che mi passa per la mente lo posto subito, si chiama Twitter.

Tornando al blog, LUI é ancora vivo, nonostante i problemi causati da Google riguardo l’indicizzazione dei contenuti…

In ultima analisi nasce quindi l’esigenza di postare di meno, ma non sono scomparso, NO.

Saluti

F


No TweetBacks yet. (Be the first to Tweet this post)
Questo articolo è stato pubblicato in Now e ha le etichette , , . Aggiungi ai preferiti: link permanente. Scrivi un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

  • about me

    April Fools ABANDON ALL HOPE YE WHO ENTER HERE is scrawled in blood red lettering on the side of the Chemical Bank near the corner of Eleventh and First and is in print large enough to be seen from the backseat of the cab as it lurches forward in the traffic leaving Wall Street and just as Timothy Price notices the words a bus pulls up, the advertisement for Les Miserables on its side blocking his view, but Price who is with Pierce & Pierce and twenty-six doesn't' seem to care because he tells the driver he will give him five dollars to turn up the radio, "Be My Baby" on WYNN, and the driver, black, not American, does so.